sabato 10 novembre 2012

Poesia in ritardo



Oggi piove a dirotto. Sono contenta che nel mio giardino siano state raccolte ieri tutte le foglie secche cadute, che tanto amavo calpestare. Ora sarebbero inzuppate di acqua, fradicie e molto pesanti. 
Leggendo sul Web le poesie autunnali mi sono imbattuta in questa, a mio parere bellissima, che giunge però in ritardo. Non ricordo bene, ma l'avevo già conosciuta e penso di averla fatta studiare a qualcuno anni fa.


 Cadono le foglie


Cadono già le foglie. Sono stanche.
Hanno visto tant'acqua e tanto sole.
Sbocciate con le tenere viole,
cadono prima delle nevi bianche.

La loro vita dura una stagione:
cadono a sciami, a sciami frusciando;
i bimbi le sparpagliano passando
e le raccolgono a farsene corona.

Il vento le trasporta in mulinello
e soffia e picchia con malinconia;
esse fan tutti gli anni questa via:
parton col brutto e tornano col bello.

(R. Callevi)

17 commenti:

  1. Ciao Paola, oggi è proprio la classica giornata di novembre, grigia e piovosa, e in più io non avevo tirato su le foglie...Bella la poesia, io non la conoscevo, adesso la copio sul mio quaderno.
    Ciao, un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia deformazione professionale mi porta ad apprezzare le poesie semplici ed immediate. Poesie che si comprendono all'istante. Penso di averla fatta studiare a scuola perchè ricordo bene le tenere viole e le nevi bianche.
      Per fortuna da qualche anno ho un aiuto in giardino e così ieri il ragazzo è venuto a raccogliere le foglie. Mi dispiaceva, ma sapevo che sarebbe piovuto. Ora sono diventate letto per gli animali di una stalla qui vicino. Ti auguro buona domenica. Domani dovrebbe essere meglio.
      Paola

      Elimina
  2. Una bella poesia, di quelle che si studiavano a scuola e che,nella loro descrittività immediata, sapevano e sanno commuoverci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Costantino. Le poesie semplici sono le migliori. Se si deve riflettere troppo la poesia si perde.
      Paola

      Elimina
  3. Il fascino delle foglie cadute nei viali, sui prati, nelle aiuole... chissà perchè, mi riporta sempre all'infanzia - il ricordo di quanto amavo camminarci in mezzo, mentre al mattino mi recavo a scuola tenuta per mano da mia mamma, nasce spontaneo ad ogni autunno...

    luciana(comoinpoesia)
    .

    RispondiElimina
  4. E' bello camminare su un tappeto dorato,mi fa sentire in armonia con tuttoil creato. complimenti. Sei ,come sempre, bravissima.

    RispondiElimina
  5. Non è mai troppo tardi per una poesia così bella! Grazie e un saluto affettuoso :)

    RispondiElimina
  6. ho riflettuto stamane sul cadere delle foglie proprio spazzando il viale davanti al lavoro... mi ha dato un profondissimo senso di caducità...

    RispondiElimina
  7. Io adoro l'autunno, l'avevo scritto anche sulla foglia di Iole, nel blog di Fata C... a proposito desidero comunicarti che il blog di Fata Confetto si è trasferito a questo indirizzo:
    http://schiaccianoci1.blogspot.it/
    e adesso si chiama "Lo schiaccianoci".Ci si arriva anche dalla home page di Fata Confetto.
    Il malfunzionamento dei feedback e la conseguente mancanza di visibilità degli aggiornamenti ( penalizzazione non indifferente per un blog) sono stati la causa di questo trasloco e speriamo bene.
    Spero vivamente che anche "Lo schiaccianoci" abbia il piacere di ospitare visite e commenti e ringrazio tutti coloro che si uniranno ai lettori del nuovo blog e che continueranno, mi auguro, questa amicizia online, che in questi mesi è diventata sempre più gratificante e significativa.
    Ti aspetto con vero piacere e ti mando un grande saluto:)
    Marilena

    RispondiElimina
  8. un caro saluto censorina, ioe te ci frequentavamo già su splinder..e sono contento di averti ritrovato. questo blog è un giardino bello e delicato stef

    RispondiElimina
  9. Anche qui è passato il giardiniere, ma le foglie sono tante e penso che dovrà ritornare. I condomini che confinano con il mio giardino hanno reclamato perchè le foglie, che logicamente cadono dagli alberi che io amo tanto, vanno sulle macchine posteggiate nel loro spazio: devo potare i rami ancora pieni di foglie...a me pare eccessivo...ma devo ubbidire! Bella la poesia! Ciao Paola!

    RispondiElimina
  10. Anche io amo le poesie semplici, di facile comprensione ed amo l'autunno per i suoi colori. Abbraccio

    RispondiElimina
  11. La poesia è bellissima, l'ho proposta anch'io a scuola qualche anno fa, e la foto che incorona il tuo blog è stupenda!
    Un abbraccio grande, Paola, buona domenica

    RispondiElimina
  12. Ciao cara, ti auguro una serena domenica..possibilmente senza pioggia. Bacioni ;)

    RispondiElimina
  13. ciao Cara, bella questa poesia, rappresenta d'essenza dell'autunno.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Carissima Paola, ho letto il commento che hai lasciato da me....e mi ha turbato!! Fatti sentire! Ti abbraccio.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...