martedì 31 agosto 2010

Per chi si sente trascurato.





Proprio oggi stavo rimuginando tra me e me, commiserandomi per alcuni aspetti della mia vita che mi fanno un po' soffrire. Per cercare di non pensare troppo e risollevarmi ho aperto il pc, come faccio molte volte in questi casi. Nella posta ho trovato una news con questa bella preghiera che ho subito trovato provvidenziale e che ora condivido con voi cari amici che mi leggete. Cercherò inoltre di non essere più troppo assente dal Blog come ho fatto in questi ultimi tempi.


Per chi si sente trascurato



Fà, Signore,
che non infastidisca mai
gli altri con le mie pene.
Dopo tutto,
che importanza hanno, 
per loro, i miei dolori?
Concedimi di non indignarmi mai, 
per il fatto che nulla di quanto 
mi ha ferito li commuove. 
È normale.
Come potrebbero comprendere? 
Fa' che dopo tutto quello 
che ho sofferto, 
non trovi strano che nel mondo 
vi siano ancora dei fiori 
e i raggi del sole.
E delle famiglie unite
e degli amori felici
e delle convivenza serene.
E dei fanciulli che vivono.
Salvami dal contemplare continuamente 
nel fondo di me stesso 
quei volti amati, 
quei sorrisi perduti, 
e tutta quell'antica felicità, 
che è durata una sola stagione.
Salvami dallo scrutare le mie miserie.



LUCIEN JERPHAGNON

6 commenti:

  1. utente anonimo31 agosto 2010 21:58


    Vorrei riuscire e  di ricordarmi sempre di questa poesia
    vensaj

    RispondiElimina
  2. VENSAJ: condivido il tuo desideri0; sono parole che andrebbero sempre meditate e messe in pratica, ma il condizionale è d' obbligo per la nostra miseria umana. Grazie del tuo commento anche se non hai lasciato il link.
    Paola

    RispondiElimina
  3.  Quando si provano dolori immensi è difficile ricominciare, riuscire nuovamente a vedere il bello che ci circonda, poter sperare ancora...è umano e comprensibile, come è umano avere momenti di smarrimento e di dolorosa nostalgia. Eppure la vita va avanti e qualche volta basta il pensiero di un amico che ci manda uno scritto come questo per tornare ad essere sereni, almeno per un momento. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Buongiorno aprire questo blog rallrgra gli occhi dai bei colori .
    Bacioni Lucia ♥

    RispondiElimina
  5. E' una poesia bellissima! Se noi pensassimo meno a noi stessi e riuscissimo a metterci più spesso nei panni degli altri , riusciremmo a capire molte cose degli altri  e ci lamenteremmo meno dei nostri guai.

    RispondiElimina
  6. Grazie, Paola!
    Ne avevo bisogno!
    Un bacio
           Anna

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...