venerdì 3 dicembre 2010

Santa Caterina d'Alessandria




Raffaello Sanzio

Sapiente e martire



Sembra inafferrabile questa giovane di Alessandria morta martire nel quarto secolo, di cui conosciamo solo il racconto della passione dai tratti leggendari. In compenso il suo culto è diffuso dappertutto nel mondo cristiano, in oriente come in occidente.




Nel primo decennio del IV secolo si combatte la lotta conclusiva tra la religione pagana e il cristianesimo. Nel 305 giunge ad Alessandria d'Egitto l'imperatore Massenzio. Minacciando la pena di morte, ordina a tutti i sudditi di sacrificare agli dei.

Numerosi sono i cristiani che si apprestano a sacrificare. Invece una giovane di nobile famiglia, Caterina, si presenta all'imperatore, lo rimprovera per la sua politica, lo invita a riconoscere il vero Dio.
Massenzio non conosce argomenti in grado di convincere la ragazza. La invita allora a corte per un colloquio con i sapienti dell'impero. Invano. Caterina è più colta di ogni sapiente.


Massenzio la tenta allora con il potere. Se accetterà di sacrificare potrà diventare la moglie stessa dell'imperatore. Neppure questa lusinga fa presa su Caterina che viene rinchiusa in carcere dove tanti vengono a visitarla e si convertono alla religione cristiana.
All'imperatore non resta che farla decapitare. Ma non è ancora la fine.
Gli angeli raccolsero il suo corpo e lo trasportarono sul monte Sinai dove ancora oggi è custodito e venerato nel monastero a lei dedicato.

Nel caso di santa Caterina la storia non ci è di aiuto. Ci vengono in soccorso, invece, i numerosi santuari dove la santa è venerata e la tradizione ininterrotta della devozione.
Santa Caterina è patrona degli studenti, dei filosofi, delle giovani che desiderano costruirsi una famiglia cristiana.


                     Monastero di Santa Caterina sul Monte Sinai

9 commenti:

  1. Ecco la storia della santa di cui porto il nome! Grazie mille! Molto interessante!
    E, per quanto invece riguarda i proverbi: "A santa Caterina ritira i buoi nella cascina!" Infatti fa veramente freddo!

    RispondiElimina
  2. Ciao Kathe. Prima di chiudere il pc ho voluto soffermarmi a leggere qualcosa di questa Santa. Da noi è più conosciuta quella di Siena. E' sempre stato mio desiderio visitare questo Santuario che, mi dicono, essere ricco di icone molto belle. 
    Sì, quest'anno fa molto freddo e io lo soffro un po'. Ti auguro un sereno fine settimana. Ho letto dell'avventura del tuo ferro da stiro. Mah, non si sa cosa dire. Un abbraccio. Buona notte.
    Paola

    RispondiElimina
  3. VANY: sono contenta che tu abbia apprezzato il post. Io apprezzo i tuoi cioccolatini: mamma mia, per fortuna che non posso mangiarli. Buon fine settimana a te.

    RispondiElimina
  4. Io ho sempre festeggiato questa S. Caterina, il 25 novembre.
    Il mio ferro da stiro è salvo...era troppo grosso per raggiungere il punto in cui c'è l'acqua :)

    RispondiElimina
  5. Che bello il template invernale!

    RispondiElimina
  6. Io ho pensato alla morte di una donna bellissima. Ipazia. Fu tagliata a pezzi da cattolici impazziti.
    Ciao Paola.

    RispondiElimina
  7. KATHE: il template è quello che già avevo la scorso anno. Sono contenta per il tuo ferro da stiro. Ti faccio gli auguri di Buon Onomastico in ritardo. Buona domenica. Ciao

    GUS: non conosco questo episodio: andrò a leggere su Internet. Buona domenica. Ciao

    RispondiElimina
  8. ANNA: le storie dei Santi , pur se lontani nel tempo, aiutano la nostra vita.
    Un bacio a te, cara Anna.

    RispondiElimina
  9. una storia edificante, grazie
    Lucia

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...