giovedì 5 febbraio 2009

Cafarnao. Casa di Pietro.

Questa settimana rimango ancora a Cafarnao. Lì abitava Simone (Pietro) e Gesù entra nella sua casa dove avviene il celebre episodio della guarigione della suocera.




Cafarnao: la nuova chiesa costruita sulla casa di Pietro


Per proteggere gli scavi dall’usura del tempo e dalle intemperie, fu costruito sul posto il Memoriale di S.Pietro, consacrato il 29 giugno 1990. Opera dell’architetto Ildo Avetta, è di forma originalissima, che vorrebbe ricordare la sagoma di una nave, la barca di Pietro, ma assomiglia più ad una "astronave-Chiesa"!



Gesù esce dalla sinagoga ed entra nella casa di Pietro.



In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li serviva.
Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano.
Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce. Lo trovarono e gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove, nei villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!».
E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni.



Marco (1, 29-39)



 

17 commenti:

  1. Grazie per questa bellissima pagina che mi ha riempito il cuore di una fortissima emozione.

    Un saluto.

    Giò

    RispondiElimina
  2. In effetti l'"astronave" parrebbe aver poco a che vedere con San Pietro.. che san Pietro fosse un marziano?

    RispondiElimina
  3. Grazie e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  4. Ho sempre trascurato il turismo religioso,fatti salvi i Santuari più famosi:Lourdes,Fatima,Santiago de Compostela.Ma conto di rifarmi.

    RispondiElimina
  5. sempre una boccata d'ossigeno, una visita al tuo blog - al tuo ripercorrere le "tracce" ed il cammino, concretamente ed in parole...

    .

    (A tale proposito, colgo occasione per invitarti a leggere il mio ultimo post, scritto ieri di getto, alla luce delle cronache di questi ultimi giorni. Mi farebbe davvero piacere, un tuo commento)

    .

    Luciana - comoinpoesia

    RispondiElimina
  6. @ Luciana: ho letto il tuo post ed ecco il mio commento che ho lasciato anche là:

    "Bellissimi i tuoi versi che con pochi tratti rappresentano questa difficile situazione.

    Tu sai che mio figlio è morto subito in un incidente stradale. Allora qualcuno osò dirmi:" Meglio così, pensa se restava lì". Loro non sapevano cosa vuol dire un figlio morto del tutto.

    Dio abbia pietà di tutte le parole ascoltate in questi giorni. In troppi sono intervenuti in questa delicata vicenda.

    Mi ha colpita la tua intuizione di avvicinare l' episodio al brano del Vangelo. Brava."

    RispondiElimina
  7. Mi ha colpito moltissimo questa costruzione che custodisce sotto lastre di cristallo i resti della casa di Pietro. Tutto racchiuso stupendamente tra fede, archeologia e tecnologia. Ti auguro una serena domenica. :)

    RispondiElimina
  8. @ Giò: grazie a te di essere passata di qui e aver lasciato un gradito commento.


    @ Lucia: tu conosci sicuramente l' estro degli architetti. Inizialmente pochi apprezzano le loro opere; soltanto in seguito, conoscendone le motivazioni profonde, se ne comprende la bellezza.

    Scrivo questo pensando anche alla bellissima chiesa di Renzo Piano a San Giovanni Rotondo che ancora non è molto compresa.

    RispondiElimina
  9. @ Pit: buon fine settimana a te. Che la gioia sia nel tuo cuore.


    @ Roberto: La Terra Santa non è troppo lontana ed ha un clima bellissimo. Oltre ai motivi religiosi, vale la pena visitarla anche per i siti archeologici (resti romani) e le culture agricole: il verde domina e il contrasto con il deserto è stupendo. Buon viaggio.


    @ sara: grazie delle tue parole. Buona domenica a te. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Penso che poter vivere questa esperienza sia davvero una grande emozione .... Un abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina
  11. Comunque sia io avrei preferito una chiesa in pietra sui ruderi della casa di Pietro. Una pietra grezza e forte, che le intemperie non smuovono.

    RispondiElimina
  12. @ Ande: Sì Anna, bellissima. Ti auguro di iniziare bene questa settimana. Un abbraccio.


    @ Lara: l' obiettivo di questa costruzione, oltre a proteggere il sito, è anche quello di contenere il maggior numero di persone che attraverso il pavimento in lastre di vetro possono vedere i resti della casa sottostante. Un caro saluto.

    RispondiElimina
  13. A me sti edifici sacri moderni non è che mi convincano mai fino in fondo. Qui almeno c'è una croce. Piccola, eh, ma c'è.

    RispondiElimina
  14. E' giusto preservare la storia, sopratutto questa che riguarda la nostra fede, dalla corruzione del tempo. Buona settimana cara Censorina baci..^_^

    RispondiElimina
  15. @ Vincenzillo: la nostra fede è legata anche alla tradizione per cui quando si parla di chiesa la immaginiamo in un certo modo. Ci vuole poi una fede adulta per leggere il sacro anche nella modernità.


    @ Dolce: buona settimana a te carissima e grazie per la tua "dolce" presenza.

    RispondiElimina
  16. Ciao, ti ho risposto sui commenti..se ti fa piacere passa a leggere. Grazie

    RispondiElimina
  17. Mi piacerebbe andare in Terra Santa. Penso che si provino emozioni indimenticabili. Ma non credo che sarà possibile per me. Forse nell'altra vita? Intanto ti ringrazio per avermi fatto partecipe di questa tua esperienza di incontro vivo con il Vangelo.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...