sabato 14 marzo 2009

Santuario del Cavallero




Domenica scorsa ho fatto una bellissima camminata al Santuario del Cavallero, a Coggiola in Valsessera. E' un luogo che si raggiunge solo a piedi percorrendo un sentiero che si inerpica nei boschi e
si snoda in un ambiente ricco di acque scroscianti (quest' anno) che confluiscono nel torrente a valle in un letto di sassi e massi, formando lame profonde, regno dei pescatori e dei bagnanti in estate.
In alternativa si può percorrere, sempre a piedi, una strada sterrata carrozzabile, superare il torrente su un ponte sospeso e salire quindi al Santuario per una mulattiera a gradoni.
La giornata era bellissima, non c' era quasi nessuno e mi sono ritemprata lo spirito.
Ecco alcune notizie che ho tratto dal sito del Comune.



Il Santuario sorge alla confluenza del Rio Cavallero con il torrente Sessera. La chiesa appare immersa tra i boschi di castagni e si affaccia su di una piazza, che come recita un detto locale, "una piazza che fa da ponte, ed un ponte che fa da piazza". Il Santuario ebbe origine dall'apparizione della Madonna ad una pastorella sordomuta, avvenuta nel 1678, che miracolosamente riebbe la parola e l'udito. Il fatto è ricordato con un dipinto lungo le pareti dell'oratorio. La costruzione, sormontata da una cupola e da un piccolo campanile, venne ultimata verso la fine del 1700 e della sua custodia fu incaricato un eremita, che abitava nelle stanze attigue alla chiesa, e ben presto divenne una figura caratteristica per gli abitanti di Coggiola. Caratteristica la fontana della piazza risalente al 1772. Particolarmente gradevole, il paesaggio infonde pace e tranquillità al pellegrino in cerca di solitudine e serenità spirituale.

Le foto sono mie, ma al link seguente potete vedere immagini molto
belle del luogo:

www.biellaclub.it/album/Santuario%20del%20Cavallero/index.html


DSC00068DSC00076DSC00072DSC00080DSC00078DSC00077

17 commenti:

  1. @ Franca: la tua poesia è bellissima, come sempre. Il mio post non è completo. Mi sono dovuta allontanare e, nel timore di perdere ciò che avevo già scritto, l' ho pubblicato. Spero che tu tornerai. Paola

    RispondiElimina
  2. Bellissima immagine fai bene a camminare, lo faccio molto volentieri anche io.ciao

    RispondiElimina
  3. Che bella segnalzione! Dovrò provprio venire dalle tue parti un giorno proprio come tu dalle mie (che strano che a te non ci siano mimose...a Napoli sono ovunque da gennaio a fine Marzo...)

    RispondiElimina
  4. Questi posti trasmettono tranquillità solo nel vederli in foto. buona domenica

    RispondiElimina
  5. @ Affabile: anche dalle mie parti ci sono le mimose, a ridosso dei muri, ma non da me che abito in un fonvalle e dove la temperatura d' inverno va anche a -14/15 il mattino presto. La mimosa non resiste. Quanto invidio la tua Napoli. Ci sono stata una volta e vorrei tornarci. Paola


    @ Kat: è vero. Ti auguro un buon inizio di settimana.


    @ Stef: contenta che ti siano piaciuti i posti e le mie foto da dilettante. Ciao

    RispondiElimina
  6. Quel baldo giovine è tuo nipote?

    RispondiElimina
  7. @ Pit: sì, uno dei tre. Ciao.

    RispondiElimina
  8. Splendida escursione.Amo i posti non raggiungibili in auto.Roberto

    RispondiElimina
  9. Dopo il freddo inverno le belle giornate di questo periodo invogliano a fare qualche gita rilassante. Il posto di cui parli è sicuramente molto tranquillo ed incontaminato. Ciao

    RispondiElimina
  10. @ Roberto: è un posto molto bello, se ci fossero le auto sarebbe rovinato. Ciao


    @ Paolo: è stata per me la prima uscita. Abbiamo anche pranzato al sacco, sia pure con la giacca a vento. Ciao.

    RispondiElimina
  11. ciao che posto suggestivo e camminare è bellissimo, in mezzo alla natura, aspetto il prossimo post, su questo luogo magico ciao penny

    RispondiElimina
  12. C'è veramente da ritemprarsi lo spirito.

    Ciao Paola.

    RispondiElimina
  13. utente anonimo17 marzo 2009 23:52

    Ciao, quando mi capita oppure di proposito, è veramente educativo andare in posti come questo Santuario: quando la spiritualità si evidenzia. ssttiivv68

    RispondiElimina
  14. utente anonimo19 marzo 2009 01:56

    questa descrizione mi ha ricordato la mia tenerissima infanzia, quando con la bisnonna passeggiavo sopra i monti di Campiglia Cervo

    RispondiElimina
  15. utente anonimo27 giugno 2010 20:59

    Ottima scelta!!!!!! L'Avis Coggiola ti aspetta nei week end di lugio ed agosto!!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...