venerdì 16 gennaio 2009

Dai Salmi

In questi giorni non si può aprire un quotidiano, vedere un TG, leggere i Blog, senza sentirsi proiettare in un mondo difficile, di odio, di guerra.
Una guerra lontana è entrata prepotentemente nella nostra vita coinvolgendo tutti noi
che stiamo diventando ostili l' uno all' altro a causa delle nostre idee politiche che prendono spunto da questo conflitto arabo-israeliano per manifestarsi a volte con violenza.
Fuggendo da tutto ciò, nell' incapacità di fare qualcosa, mi sono rivolta alla lettura dei salmi per trovare un pò di conforto e pace.
Eccone uno che propongo a voi come pillola per lo spirito di questo fine settimana.


                               

Le due vie



Beato l'uomo che non segue il consiglio degli empi,
non indugia nella via dei peccatori
e non siede in compagnia degli stolti;
ma si compiace della legge del Signore,
la sua legge medita giorno e notte.


Sarà come albero piantato lungo corsi d'acqua,
che darà frutto a suo tempo
e le sue foglie non cadranno mai;
riusciranno tutte le sue opere.




Non così, non così gli empi:
ma come pula che il vento disperde;
perciò non reggeranno gli empi nel giudizio,
né i peccatori nell'assemblea dei giusti.




Il Signore veglia sul cammino dei giusti,
ma la via degli empi andrà in rovina.

13 commenti:

  1. E non a caso è il Salmo uno...Quello che molti considerano una grande introduzione a tutto il Salterio...se l'Uomo si radica in Dio la sua comprensione della vita sarà trasfigurata...Barva Paola per questa pillola (che non chiamerei così vista la grandezza spirituale)

    RispondiElimina
  2. @ Affabile: Anche a me è sembrato molto importante e da meditare giorno e notte, come suggerisce. Quando ero in cantoria ne avevamo una versione cantata.

    Buona domenica. Paola

    RispondiElimina
  3. Non saprei come commentare meglio di come ti sei espressa tu; da quando l'uomo è apparso sulla terra ha avuto come unico scopo l'annientamento dei suoi simili. E questo mi dispiace. Un abbraccio, Paola.

    RispondiElimina
  4. La preghiera è uno dei pochi appigli che ci rimane...

    RispondiElimina
  5. @ Ughito: grazie del tuo intervento. Che la natura dell' uomo sia così perversa? Io spero sempre in un cambiamento vero, non solo a parole. Buona domenica Ugo. Ciao


    @ Magellano: hai preso il nome di un navigatore dei mari per navigare nel Web. Mi piace.

    La preghiera è veramente la nostra ancora di salvezza. Benvenuto.

    RispondiElimina
  6. utente anonimo18 gennaio 2009 19:06

    Ciao, è vero, quando ci sono momenti di difficoltà così grandi, la prima cosa da fare è conciliarci: con Dio e con gli altri. Stefano

    RispondiElimina
  7. Grazie per aver votato la foto sfida!

    Se vuoi andare a vedere un film divertente ne ho consigliato uno col post di poco fa....

    ciao e buon inizio settimana!

    p.s: non amo la guerra, la violenza, per cui ho apprezzato molto questo salmo e la tua riflessione..

    RispondiElimina
  8. @ Gus: un saluto a te.


    @ Stefano: la prima pace è dentro di noi. Grazie del tuo intervento.


    @ Fiore: il film deve essere molto bello. Piacerà ai miei nipoti. Aspettiamo che lo diano anche qui. Sono contenta che tu abbia apprezzato il post.

    RispondiElimina
  9. Davvero bello questo salmo. In particolare mi colpisce:


    "Sarà come albero piantato lungo corsi d'acqua,

    che darà frutto a suo tempo".

    RispondiElimina
  10. nei salmi possiamo trovare le risposte ai nostri dubbi.

    RispondiElimina
  11. @ Vincenzillo: ti chiedo scusa, non avevo visto questo commento.


    Sì, è molto bella la frase che hai citato, anche il seguito:

    e le sue foglie non cadranno mai;

    riusciranno tutte le sue opere.

    Ciao, grazie.

    RispondiElimina
  12. @ vinny: dovrebbero essere una lettura quotidiana. Un caro saluto.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...