venerdì 18 aprile 2008

Che io sia, che tu sia....

logostaino

Congiuntivi


 


“La gioventù rifiuta i congiuntivi.”


Qualcuno ha detto: -Sono vecchi-


Dopo averli tanto usati,


anche i verbi se ne vanno,


spazzati via, ormai secchi.


 


I sostantivi bastano.


Concessi articoli e aggettivi,


 qualche preposizione


ad evitar che insorga


un po’ di confusione.


 


Cambia il modo di fare,


di scrivere, comunicare.


I sentimenti restano


uguali come sempre.


I ragazzi amano, soffrono,


ridono allegramente.



E a me che cosa resta?


L’uso del congiuntivo,


la frase ben forbita,


il cuore un poco a pezzi,


 


l’amore per la vita.




Censorina




13 commenti:

  1. Quanto hai ragione!Però io non li butterei via i congiuntivi,hanno ancora molto da dare :-D

    Paola, sei stata nominata, passa da me!

    RispondiElimina
  2. utente anonimo19 aprile 2008 11:01

    Solo l'Amore dà senso alla vita, solo la vita dà senso all'Amore!

    La vita è come il pane, a volte duro, a volte fragrante, a volte amaro, ma sempre un buon pane; mentre lo addenti si formano le briciole: sono l'amore che avremo saputo spandere intorno a noi.

    Un bacio

    Annuccia

    RispondiElimina
  3. Ciao Cara, io noto una mancanza di qualità nelle nuove generazioni, soprattutto nei nuovi laureati. Quelli che prendono la laurea di primo livello e si definiscono laureati poi, li detesto. Se non altro mi sento offesa. Buon week-end! Cettyna

    RispondiElimina
  4. utente anonimo19 aprile 2008 12:27

    eh cara Paola,da buon maestra dai lezione a questa generazione,mi è capitato spesso di leggere post sgrammaticati,non sanno mettere una parola dietro l'altra,e credo che non sappiano neppure cosa siano i congiuntivi..un abbraccio Ele

    RispondiElimina
  5. Ciao Paola

    certo che io non dovrei più scrivere allora , ci vorrebbero un po di ripetizioni , certo per te sarà un po di deformazione professionale , e quindi ci fai caso io invece baso tutto pensando vabbe intanto si capisce alla fine .

    Comunque bella e significativa .

    Buona domenica a tutti .

    RispondiElimina
  6. ciao. Concordo pienamente, i giovani non hanno voglia, neanche di pensare, forse gli abbiamo lasciato un mondo nullo, con un futuro sempre più incerto e loro si trincerano, in questa sorta di indifferenza. Penso, però, che sono invece, più affettivi e più sensibili di come eravamo noi, il problema è che non hanno coraggio, di far palesi i loro sentimenti, in questo mondo, così lontano dai loro bisogni. ciao buon weeek end penny

    RispondiElimina
  7. ah... i congiuntivi...

    sapessi in inglese in cui esistono anche i periodi ipotetici che mi combinano quei ragazzi che ridono...

    ciao.

    onda

    RispondiElimina
  8. Vi ringrazio carissimi per aver prestato attenzione a questa mia poesiola. Me ne è venuta l' ispirazione qualche tempo fa: un giorno in cui il Telegiornale ha parlato del linguaggio approssimativo che sta prendendo piede fra i giovani e non. Fra e-mail, SMS, ecc. la buona lingua italiana è un optional e nel linguaggio orale stanno scomparendo i congiuntivi.

    I giovani però hanno molti altri pregi e vanno giustamente riconosciuti.

    RispondiElimina
  9. Versi simpatici ed autentici(ma eliminare quelle strane scritte?)

    RispondiElimina
  10. ...in un mondo dove si cerca di 'concretizzare' tutto... a volte anche l'amore... in un mondo dove c'è bisogno sempre di 'certezze'... cambia anche il modo di parlare... il linguaggio si adegua... perchè il linguaggio siamo noi... ed è il nostro modo di vivere...

    ...mi piace il tuo commento in cui esprimi fiducia nei giovani... penso sia un errore pensare che tutto stia andando in sfacelo...

    un abbraccio

    gino

    RispondiElimina
  11. utente anonimo21 aprile 2008 21:46

    Eh, si, censorina.

    Io direi che l'italiano, come la matematica, non è un'opinione.

    Le regole sono precise per esprimere determinati concetti o sentimenti.

    Invece, mi sembra che costruiscano frasi come preparerebbero un piatto senza ingredienti base per poi aromatizzarlo anche inappropriatamente. E che mangi?

    RispondiElimina
  12. Ci sono ricascata a rilasciare il commento da anonima.

    Sono io quella della pietanza senz'olio, con pochissimo sale e tanto zenzero e cannella.

    RispondiElimina
  13. utente anonimo23 aprile 2008 00:21

    Se saprei scrivere te lo scrivessi......

    Buona serata, Paola e, se è già troppo tardi, buon tutto. Con affetto. Ughito

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...